Archivi per la categoria ‘Adolescenza’

A cura della dott.ssa Lusa Cinzia, educatore professionale del Ser.D. di Feltre, che ringraziamo per la collaborazione e l’aiuto fornitoci.

Negli ultimi anni, alcune ricerche scientifiche hanno dimostrato un’associazione tra abuso di alcol e abitudini alimentari non salutari. Il termine, inventato dai giornalisti del “New York Times”, coniato per rendere esplicite le caratteristiche di un disturbo alimentare legato all’abuso di alcol, è quello di drunkoressia.

Con questa definizione si indica un pericoloso comportamento alimentare, diffuso particolarmente tra le adolescenti: mangiare sempre meno fino a digiunare, per poi assumere rilevanti quantità di bevande alcoliche.

Anche se non è riconoscdrunkressia 1iuta ufficialmente come patologia vera e propria il numero crescente di casi fa supporre che la drunkoressia possa entrare quanto prima nel novero dei disturbi psichici relativi all’alimentazione e alle dipendenze. Sono presenti infatti alcuni criteri tipicamente patologici: consumo eccessivo di alcol, digiuni forzati, vomito autoindotto o uso di lassativi e ossessione per l’aspetto fisico.

Naturalmente le conseguenze si possono avere sia dal punto di vista fisico sia psicologico.

Bere a stomaco vuoto infatti permette all’etanolo di raggiungere il sangue più rapidamente, aumentando il proprio tasso di alcolemia con una velocità spesso pericolosa. Inoltre l’abuso di alcol può avere un impatto negativo sulla idratazione e conservazione di minerali e sostanze nutritive, esacerbando ulteriormente le conseguenze della malnutrizione.

Il consumo di alcol è ancora più deleterio se avviene in adolescenza, quando lo sviluppo psicofisico non è ancora completato e vi è maggiore vulnerabilità ai danni fisici e cerebrali alcolcorrelati.

Quando assumiamo bevande alcoliche in grandi quantità e, ancor peggio, a stomaco vuoto, non solo facciamo del male al nostro corpo ma, anche a livello psicologico, abbiamo delle ripercussioni importanti. Il nostro stato di coscienza si altera notevolmente, diventiamo disinibiti e perdiamo la consapevolezza ed il controllo delle nostre azioni, rischiando di mettere in atto dei comportamenti dannosi su noi stessi (ad esempio, rapporti sessuali a rischio, incidenti stradali,  …) e su gli altri (incidenti dove vengono coinvolte altre persone, atti di violenza, …). Ricordiamoci che, questi comportamenti possono avere delle conseguenze importanti di tipo penale.

Se senti la necessità di approfondire o di avere maggiori informazioni puoi rivolgerti al Consultorio Giovani di Feltre il giovedì pomeriggio dalle 14.00 alle 16.00 (senza appuntamento) o contattandoci direttamente da questo blog. oppure puoi telefonare al Ser.D. Giovani “Danza del Tempo”, al numero 0439 883147.

 

inizio-scuola-2

Il 16 settembre ricomincia nel Veneto la scuola per tutti i bambini e ragazzi  e, con la scuola, ripartono anche alcune attività del Consultorio Giovani.

Prossimamente pubblicheremo nel nostro sito le attività per l’anno scolastico 2015-2016.

Noi operatori,intanto, vi auguriamo 

Buon inizio scuola.

img. articolo Life s.

 

Partiamo dall’inizio: L’O.M.S. nel 1994 ha avviato il progetto “LIFE SKILLS”, volto a promuovere la salute ed il benessere di bambini e adolescenti,  intesi come sviluppo delle potenzialità umane.

Secondo la definizione dell’O.M.S. le life skills sono: abilità/capacità che ci permettono di acquisire un comportamento versatile e positivo, grazie al quale possiamo affrontare efficacemente le richieste e le sfide della vita quotidiana.

In altre parole, la scuola ci aiuta a tirar fuori le nostre abilità, conoscenze e valori, acquisiti sia in ambito scolastico che extrascolastico (famiglia, amici, sport ecc.). L’obiettivo è far diventare bambini, ragazzi ed adolescenti capaci (COMPETENTI) di affrontare e risolvere in maniera serena e positiva i piccoli e grandi problemi, le incomprensioni e i dubbi della vita di ciascuno. Per esempio ci aiuta ad affrontare le pressioni dei coetanei verso atteggiamenti o esperienze sui quali non siamo d’accordo (come può essere per assunzione di alcol/droghe) o per i quali non ci sentiamo ancora pronti (come la scelta di  avere rapporti sessuali) .

Le principali LIFE SKILLS  sono:

 Decision making: capacità di prendere decisioni

 Problem solving: capacità di risolvere i problemi

Creatività:cercare le varie possibilità e alternative anche con la fantasia per risolvere un problema

Comunicazione efficace: imparare ad esprimere il proprio pensiero anche in modo comprensibile agli altri

Capacità di interagire: relazionarsi con gli altri in maniera positiva,

Autocoscienza: conoscersi bene sia nei lati positivi che negativi del proprio carattere.

Empatia:volontà di capire gli altri, di mettersi nei loro panni,

Gestione delle emozioni: riconoscere le proprie emozioni (sia positive che negative) sapendo che esse hanno una forte influenza sul nostro comportamento e sulle reazioni altrui,

Gestione dello stress: riconoscere le cause di tensione per riuscire a controllarle.

Senso critico: analizzare le informazioni (valutandone vantaggi e svantaggi), cercando di superare le influenze esterne per decidere più serenamente ed autonomamente,

Le Life Skills rendono la persona capace di trasformare le conoscenze, gli atteggiamenti ed i valori in reali capacità, ciò significa sapere cosa fare e come farlo. Si tratta di avere un comportamento sano e positivo! In questo modo le ‘life skills’  equipaggiano voi ragazzi a fare scelte consapevoli, limitando i comportamenti a rischio.

Come Consultorio Giovani, in collaborazione con gli istituti scolastici e con gli altri servizi ULSS, quest’anno ci siamo attivati per fare progetti che prevedano l’insegnamento delle life skills (vd. nella parte in alto “progetti a.s. 2014/2015) nelle scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado.

img2

Siamo nell’era dei “nativi digitali”… l’era in cui si nasce e cresce con internet e cellulari… ed allora perchè non interrogarsi un po’  su tutto ciò che questo comporta? Il web è un mondo intrigante ed offre moltissime opportunità di comunicazione, apprendimento, confronto e crescita… E’ sicuramente attraente ma farsene coinvolgere troppo può esporre a rischi che tendiamo a non considerare.

L’adolescente di oggi è spavaldo: tende a farsi guidare dal desiderio di soddisfare i propri bisogni e di essere popolare tra i ragazzi della sua età.  Spesso il primo luogo in cui si espone per apparire e cercare consensi è proprio quello virtuale. Tanto bello quanto pericoloso soprattutto se si dimentica che le azioni in esso possono avere conseguenze nel reale. Un’esposizione senza contenimento può rendere il ragazzo fragile!

La ricerca di una “web reputation”, il bisogno di avere molti contatti, visualizzazioni e mi piace riduce il pensiero critico ed espone a rischi seri. Oltre alla già citata perdita di confini tra virtualità e realtà, il mondo del web è un contesto in cui la visibilità può diventare un’arma a doppio taglio. Nel momento in cui un ragazzo condivide nel web materiale che lo riguarda con l’intento di farsi notare dai pari, può non mettere in conto che quei contenuti potrebbero invece danneggiarlo, per esempio domani quando cercherà un lavoro e il futuro datore di lavoro vedrà quei post o quelle foto compromettenti. Inoltre, è importante ricordare che gli adolescenti non sono gli unici frequentatori del virtuale. Il web può diventare anche luogo di adescamento da parte di adulti malintenzionati che in alcuni casi lo usano come canale per arrivare a chiedere ai ragazzi dei contatti diretti. Non da dimenticare poi, che nell’era digitale si sta assistendo ad una forte diffusione di quel fenomeno noto come cyberbullismo.  Il bullo miete vittime anche nel web, contesto in cui la presa in giro (nel migliore dei casi) può avere un impatto ancora più devastante, considerato il potenziale numero di spettatori e il fatto che può essere svolta 24 ore su 24 e non solo durante la scuola.

Quelli riportati sono solo una serie di esempi dei rischi che si corrono frequentando il mondo virtuale che, se in alcuni casi è una risorsa, in altri può diventare fonte di materiali inadeguati e dannosi. Saper sfruttare le opportunità che il web offre è molto importante per l’adolescente (e non solo)! Esso è un contesto di appartenenza, di relazione, informazione e comunicazione ma è fondamentale che non resti l’unico. Il mondo virtule è utile, attraente e coinvolgente… il consiglio non è quello di evitarlo ma bensì di farne un uso adeguato e consapevole.

Rispondiamo attraverso questo post ad un quesito che ci è stato posto attraverso il link  “CONTATTACI” del nostro blog. Purtroppo non comparendo l’indirizzo mail del mittente non riusciamo a rispondere direttamente alla richiesta!

In caso di gravidanza indesiderata gli operatori sono tenuti al segreto professionale (art. 5 L. 194/1978 prevede che <<il medico di fiducia e gli operatori del Consultorio Familiare sono tenuti al rispetto della dignità e della riservatezza della donna e della persona indicata come padre del concepito>>).

Il Consultorio Familiare offre alle donne e ragazze consulenze psicologiche, sociali e sanitarie per supportarle nella genitorialità.

Vi ricordiamo di inserire sempre un indirizzo mail quando ci contattate attraverso il blog, così possiamo rispondervi personalmente. Se volete parlare con un operatore potete venire direttamente in Consultorio il giovedì dalle 14.00 alle 16.00 o chiamare al n. 0439-883170. Il servizio è gratuito e non serve l’impegnativa medica.

Cerca
Ultimi aggiornamenti
Contatti

Consultorio Giovani Feltre

Orari:
Accesso libero il giovedì dalle 14.00 alle 16.00

Indirizzo:
Viale G. Marconi, 7 Feltre - tel. 0439 883170

Per informazioni
nuvoleinviaggio@consultoriogiovanifeltre.net

Visite
Visite odierne: 108
Visitie totali: 56386
Blogroll