Questa volta abbiamo pensato ai genitori e a come aiutarli, nel loro importante ruolo educativo, ad accompagnare i figli in crescita.

Come?

Alberto Pellai e Barbara Tamborini hanno scritto un libro per genitori di figli preadolescenti.  eta dello tsunami

Di che cosa parla?

Tutto è iniziato con l’ingresso alle scuole medie. Fino a ieri vostro figlio era un bambino angelico, e ora di colpo è pronto a darvi battaglia su tutto, pensa solo a divertirsi e vive di emozioni intense e improvvise, come sulle montagne russe. Lo tsunami che vi sta travolgendo si chiama preadolescenza, e sappiate fin da subito che non c’è cura; ma un segreto per sopravvivere, sì: capire cosa sta succedendo in un cervello in piena evoluzione, che funziona in modo diverso rispetto a quello di un adulto. Barbara Tamborini e Alberto Pellai ne sanno qualcosa: esperti di psicologia dell’età evolutiva e genitori di due figli preadolescenti (e di altri due che stanno per diventarlo), sapranno introdurvi alle meraviglie di quest’età e darvi i consigli giusti per ritrovare un canale di comunicazione che vi sembra impossibile. Non solo. Vi aiuteranno anche a guardarvi dentro e a capire che tipo di genitori siete e vorreste diventare, per essere mamme e papà “sufficienternente buoni’; capaci di riflettere sui propri errori e aggiustare il tiro. Senza prendersi troppo sul serio, perché la perfezione non è di questo mondo.

Editore: De Agostini
Anno edizione: 2017

Condividi con i tuoi amici...
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • Delicious
  • Google Reader
  • Myspace

Questa settimana vi presentiamo delle false credenze sulla pillola: capita sSessoSenzaSorprese-294x300pesso infatti che le informazioni che girano attorno all’uso di essa siano incomplete e scorrette.. Cerchiamo quindi di fare un pò di chiarezza!!

Anche in questo caso, le informazioni che utilizziamo vengono tratte dal libretto creato e pensato dalla SIGO (Società italiana Ginecologia e Ostetricia) all’interno del progetto di informazione sulla contraccezione“Scegli tu.

Pillola, vi hanno mai detto che..

“..da quando si cessa l’assunzione devono passare almeno due anni prima di rimanere incinta perchè l’oganismo deve disintossicarsi?”

Falso!!

meschio femminaUno dei grandi vantaggi della pillola è che è immediatamente reversibile, indipendentemente dalla durata di utilizzo, e non compromette la fertilità. Una volta sospesa non influenza infatti la funzionalità ovarica, cioè la possibilità di procreare. Le mestruazioni dovrebbero continuare a manifestarsi regolarmente fin da subito perchè in genere la terapia estroprogestinica anticoncezionale regolarizza il ciclo.

Quando la donna desidera un figlio, è sufficiente sospendere la pillola un mese prima, in modo che l’attività ormonale spontanea ridotta dalla pillola possa riprendere a pieno ritmo.

Nei primi mesi successivi all’interruzione è molto comune una certa facilità al concepimento.

Per ulteriori informazioni o chiarimenti puoi contattarci tramite mail: nuvoleinviaggio@consultoriogiovanifeltre.net oppure puoi trovarci al Consultorio Giovani di Feltre ogni giovedì dalle 14.00 alle 16.00, gratuitamente e senza appuntamento.

Condividi con i tuoi amici...
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • Delicious
  • Google Reader
  • Myspace

ULSS 1 DOLOMITI
INCONTRA
I Venerdì dei Genitori

 

17 Febbraio 2017 h 20.00
Sala Convegni
Ospedale di Feltre

La paura e la perdita
“Mamma, che paura!”
Anna Dal Pan
Michela Marchet

Psicologhe del Servizio di Educazione e Promozione alla Salute

 

Per informazioni:guadagnare.salute@ulssfeltre.veneto.it

 

 

Condividi con i tuoi amici...
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • Delicious
  • Google Reader
  • Myspace

Questa settimana vi presentiamo delle false credenze sulla pillola: capita spSessoSenzaSorprese-294x300esso infatti che le informazioni che girano attorno all’uso di essa siano incomplete e scorrette.. Cerchiamo quindi di fare un pò di chiarezza!!

Anche in questo caso, le informazioni che utilizziamo vengono tratte dal libretto creato e pensato dalla SIGO (Società italiana Ginecologia e Ostetricia) all’interno del progetto di informazione sulla contraccezione“Scegli tu.

Pillola, vi hanno mai detto che..

..”Fa ingrassare?”

pillola blogLa pillola è spesso ritenuta responsabile dell’aumento di peso e questo è uno dei motivi più frequenti per evitare di utilizzarla. In realtà, questo dato non risulta comprovato da studi scentifico-comparativi.

Se la pillola mantiene questa reputazione, è perchè tale “effetto negativo” è stato riscontrato soprattutto in passato, con le prime pillole in commercio.  L’aumento di peso era allora conseguenza di una ritenzione di acqua nell’organismo provocata dagli estrogeni e dall’effetto anabolizzante dei progestinici.

Oggi invece, grazie alle ridotte dosi di estrogeni e all’uso di progestinici di nuova generazione, il rischio di aumentare di peso si è considerevolmente rbilancia blogidotto. In particolare, con i progestinici di quarta generazione, come il drospirenone, possiamo parlare di “contraccezione senza peso”: sia perchè è stato ridotto al minimo il “peso” ormonale del contraccettivo, sia perchè possiamo dire addio ai chili di troppo o alla cellulite!

Per maggiori informazioni potete contattarci tramite mail: nuvoleinviaggio@consultoriogiovanifeltre.net oppure ci trovate al Consultorio Giovani di Feltre tutti i giovedì dalle 14.00 alle 16.00, gratuitamente e senza appuntamento.

Condividi con i tuoi amici...
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • Delicious
  • Google Reader
  • Myspace

A cura della dott.ssa Cinzia Lusa, educatrice professionale del SERD.

La sigaretta elettronica (e-cig) è stata inventata in Cina nel 2003 con lo scopo di imitare il sistema di inalazione della nicotina con sigaretta convenzionale, senza avere gli effetti dannosi derivanti dalla combustione del tabacco. La sigaretta elettronica ha un aspetto e un sapore simili alla sigaretta convenzionale. Negli ultimi anni si è diffusa in tutto il mondo, specialmente attraverso internet.
Le nuove sigarette, già alla prima boccata, mostrano alcuni vantaggi rispetto alle tradizionali: non puzzano, non fanno cenere, non rimane il mozzicone, permettono di variare il gusto scegliendo fra decine di liquidi contenenti ogni sorta di aromi. Se si vuole si può fumare persino senza nicotina (ma solo il 3% degli utilizzatori lo fa); oppure se ne può ridurre progressivamente il contenuto, per cercare di svincolarsi dalla dipendenza da questa sostanza, pur mantenendo la gestualità alla quale i fumatori sono tanto affezionati.

Ma queste sigarette sono proprio innocue?  sigaretta-elettronica

In realtà le grandi organizzazioni mediche frenano gli entusiasmi, anche se la comunità scientifica è divisa su questo tema.
L’OMS ricorda che “occorrono studi per verificare la sicurezza di questi prodotti e ricerche che valutino le dichiarazioni delle aziende, in base alle quali i sistemi che somministrano nicotina elettronicamente possono aiutare i fumatori a smettere”.
Nel parere dell’Istituto Superiore di Sanità sta scritto: “Le sigarette elettroniche sollevano preoccupazioni per la salute pubblica e per il fatto che potrebbero rappresentare un rischio di rimpiazzare trattamenti efficaci per la cessazione del fumo”. Ed è ancora più dura la European Respiratory Society, che ritiene che “questi prodotti pongano rischi significativi per la salute anche legati alla possibilità che i liquidi usati contengano sostanze tossiche di vario tipo”.

Il Ministero della Salute in Italia ha messo almeno un punto fermo nella spinosa questione delle sigarette elettroniche: il divieto di vendita di quelle contenenti nicotina ai minori di 18 anni, tenuto conto della diffusione sempre più massiccia delle e-cig tra i giovanissimi. Tant’è che per indicare la nuova tendenza è stato perfino inventato un verbo: “svapare”, ovvero inspirare ed espirare il vapore della sigaretta elettronica.

 

A proposito di adolescenti e sigaretta elettronica due recenti studi americani hanno evidenziato che le e-cig sarebbere associate ad un aumento del rischio di passare al fumo tradizionale e di sviluppare disturbi respiratori.

Non significa che le e-cig facciano automaticamente da ponte per le altre, “lo studio indica un’associazione tra i due comportamenti, svapare e fumare, ma non chiarisce definitivamente se siano state davvero le sigarette elettroniche a indurre alcuni ragazzi a fumare o se questi avrebbero cominciato comunque o se abbia impedito ad alcuni potenziali fumatori di diventarlo davvero”. img_sigarette_elettroniche1

Il problema però è che alla resa dei conti, per adolescenti e giovani le e-cig potrebbero non essere così innocue come sembrano. Come sottolinea Roberta Pacifici, Responsabile dell’Osservatorio fumo dell’Istituto Superiore di Sanità, “che davvero facciano lentamente scivolare lungo la china del fumo tradizionale è ancora da dimostrare definitivamente, ma è indubbio che possono creare dipendenza. E questo non vale solo per quelle che contengono nicotina, ma per tutte, perchè a dare dipendenza è anche la ritualità del gesto compiuto per svapare, così simile a quello compiuto per fumare”.

Condividi con i tuoi amici...
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • Delicious
  • Google Reader
  • Myspace

Proseguono gli incontri organizzati dal SEPS (Dipartimento di Prevenzione) dell’ULSS 2 di Feltre, attuale ULSS 1 Dolomitica.

ULSS 1 DOLOMITI INCONTRA
I Venerdì dei Genitori

20 Gennaio 2017 h 20.00
Sala Convegni
Ospedale di Feltre

A tavola senza inganno
Le buone abitudini limentari

Giovanna Foschini
Servizio di Dietetica

Per informazioni: ULSS1 DOLOMITI – DISTRETTO FELTRE
guadagnare.salute@ulssfeltre.veneto.it

 

Condividi con i tuoi amici...
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • Delicious
  • Google Reader
  • Myspace

Abbiamo parlato tanto delle patologie urologiche maschili in età adolescenziale.. Ma nel caso ci riconoscessimo in una di queste o avessimo qualche preoccupazione in merito, a chi ci possiamo rivolgere?!?!

Vogliamo qui inserire delle informazioni utili sul reparto di Urologia di Feltre, per potervi indirizzare al meglio in caso di necessità! Spesso non sappiamo a chi rivolgerci e cosa fare.. Qui troverete qualche dritta utile!

 

1) In quali casi è utile che un ragazzo si rivolga ad un Urologo?

Quando si riconosce in una delle patologie che abbiamo descritto, quando sente che ha un problema, legato all’apparato genitourinario, che lo mette a disagio

2) Quali disturbi urologici possono presentarsi più frequentemente in adolescenza?

Tutti quelli descritti, nello specifico i più frequenti sono eiaculazione precoce, varicocele e fimosi

3) Come si fa a prendere un appuntamento con l’Urologo?

La prima visita va prenotata presso il CUP (centro unico prenotazioni) con prescrizione dello specialista ospedaliero o del Medico di Medicina Generale (Medico di Base) o dal Pediatra di Libera Scelta.

4) Quindi è necessaria l’impegnativa?

Si!

5) é necessario essere accompagnati dai genitori se non si hanno ancora compiuto 18 anni?

Si, è necessario essere sempre accompagnati dai genitori  se sei minorenne.

6) In quale orario posso accedere all’ambulatorio?

Sarà il CUP a darti l’appuntamento, in ogni caso generalmente le visite si svolgono di martedì pomeriggio, giovedì pomeriggio e venerdì mattina.

7) Dove si trova l’ambulatorio?

La prestazione viene effettuata presso il poliambulatorio situato al primo piano del Padiglione Guarnieri

8) La consulenza urologica è a pagamento?

Sì, è necessario pagare il ticket

Telefono CUP (centro unico prenotazioni): 0439/83001

Per qualsiasi dubbio puoi comunque rivolgerti al Consultorio Giovani, tutti i giovedì pomeriggio dalle 14.00 alle 16.00, gratuitamente e senza appuntamento, oppure puoi contattarci telefonicamente allo 0439-883170 (chiedendo di un operatore del consultorio giovani) o via mail a nuvoleinviaggio@consultoriogiovanifeltre.net.

Condividi con i tuoi amici...
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • Delicious
  • Google Reader
  • Myspace

“Anna arriva a casa dei nonni per trascorrere le vacanze di Natale. La nonna ed Anna decidono di recarsi in paese. Lì, Anna potrebbe giocare con i bambini, mentre la nonna fa la spesa dal panettiere e dal lattaio. Ma i bambini hanno le facce annoiate e non ne hanno alcuna voglia. Persino la nonna finisce presto di fare la spesa, poiché nei negozi non vi è nessuno di buon umore che si fermi a scambiare due chiacchiere, proprio nessuno che abbia tempo per qualche parola gentile. Quando tornano a casa Anna si mette a disegnare e la nonna confeziona un misterioso pacchetto rosso. Anna incuriosita vuole sapere che cosa contiene il pacchetto, ma la nonna sorridendo risponde :”È un segreto!”. Il giorno dopo Anna e la nonna escono presto, portando con loro il pacchetto rosso. Lungo la strada incontrano il guardaboschi. E’ arrivato da poco in paese e vive da solo. La nonna gli regala il pacchetto dicendo: “E’ per te! Porta felicità e fortuna, ma mi raccomando non aprirlo!” Anna vorrebbe tornare a casa a preparare altri pacchi come quello, ma la nonna dice che basterà uno solo pacchetto! Infatti… il guardaboschi, sentendo di aver trovato amici in paese, diviene allegro e regala a sua volta il pacchetto. Ne entrano in possesso anche lo spazzacamino, la piccola Antonia malata e via via tutti gli altri abitanti… Nessuno ne conosce il contenuto, ma certo è che ha la capacità di far nascere sentimenti di amicizia e di solidarietà tra le persone che se lo scambiano. Nel giro di pochi giorni nel piccolo villaggio le cose cambiano e tutti sono felici, gentili e disponibili. Le vacanze, purtroppo, passano sempre troppo in fretta. Anna deve ripartire e gli amici, che l’hanno accompagnata alla stazione per salutarla, vedono che la nonna è un po’ triste. E allora: “Ecco un pacchetto che le porterà fortuna e felicità” le dicono”. Ma attenzione , non deve aprirlo!” Il pacchetto è tornato dalla nonna. Era proprio vero, un solo pacchetto bastava!”

pacchetto-2

Con questa storia natalizia, gli operatori del Consultorio Giovani colgono l’occasione per augurarvi un magico Natale e un felice anno nuovo. Auguriiiiiiiiiiiiiiiiiiiii!!!

Condividi con i tuoi amici...
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • Delicious
  • Google Reader
  • Myspace

Ancora una volta vi presentiamo una falsa credenza sulla pillola: capita spesso che le informazioni di senso comSessoSenzaSorprese-294x300une che girano attorno al suo utilizzo siano incomplete e scorrette.. cerchiamo quindi di fare un pò di chiarezza!!

Anche in questo caso le informazioni che utilizziamo vengono tratte dal libretto pensato e creato dalla SIGO (Società italiana Ginecologia e Ostetricia) all’interno del progetto di informazione sulla contraccezione“Scegli tu”.

Pillola, vi hanno mai detto che..

“La pillola fa perdere i capelli”

Falso!

La pillola non fa perdere i capelli!!

Così come esistono pillole curative in grado di contrastare l’eccesso di peli, ve ne sono altre che hanno dimostrato un effetto benefico sulla pelle e sui capelli.pillola

Se la causa della caduta dei capelli è uno scompenso ormonale la cura può consistere nella somministrazione di una pillola anticoncezionale con estroprogestinici. Esistono infatti ormoni che inibiscono gli ormoni maschili riducendo quindi significativamente i sintomi del loro eccesso, come acne, seborrea (pelle e capelli grassi), alopecia seborroica (perdita dei capelli). 

Condividi con i tuoi amici...
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • Delicious
  • Google Reader
  • Myspace

Lanciamo una proposta ai ragazzi/e per questo ponte di fine settimana.

Venerdì 9 dicembre h 20,45 presso il Centro Culturale di Quero  verrà proiettato il terzo e ultimo film in programma del cineforum autunnale, organizzato dalle Biblioteche di Alano di Piave, Quero, Vas, Unione Setteville.

17 RAGAZZE

Un piccolo riassunto

In un piccolo centro della Bretagna, la liceale Camille Fourier, rimasta incinta, diventa in breve per le amiche di scuola un esempio e un modello. Intenzionate a fare a meno di chiunque, sia dei partner che dei genitori, diciassette ragazze dello stesso liceo decidono di avere un figlio e di crescerlo aiutandosi fra loro, possibilmente in modo assai differente da come sono state cresciute a loro volta. La gravidanza delle diciassette minorenni procede dunque contemporaneamente, lasciando interdetti la comunità e le autorità scolastiche, che non trovano ragioni né spiegazioni.

INGRESSO: € 2

17-ragazze-film-345x300

 

Condividi con i tuoi amici...
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • Delicious
  • Google Reader
  • Myspace
Cerca
Formazione
Lista eventi
  • Nessun evento imminente
AEC v1.0.4
Contatti

Consultorio Giovani Feltre

Orari:
Accesso libero il giovedì dalle 14.00 alle 16.00

Indirizzo:
Viale G. Marconi, 7 Feltre - tel. 0439 883170

Visite
Visite odierne: 179
Visitie totali: 247611