Articoli marcati con tag ‘parole’

Locandina Comune di Feltre

Ogni coppia ha il suo modo di litigare e questo è dovuto a tutto quell’insieme di regole esplicite ed implicite che stanno alla base della relazione. La violazione delle regole comporta delle sanzioni e ognuno ha il suo stile per farla “pagare” all’altro.

Nelle relazioni con l’altro abbiamo l’opportunità di conoscerci e crescere, tirando fuori il meglio e il peggio di noi. Se in una relazione c’è spazio solo per il pensiero di uno, allora non vi è una costruzione equilibrata del rapporto, mentre se entrambi si impegnano per trovare un accorso allora vi è equilibrio.

Il litigio nella coppia diventa un punto di forza quando lo scopo è il confronto per risolvere costruttivamente il diverbio, non quello di colpevolizzare o di tirare in ballo altre situazioni.  Quindi perchè sia un punto di forza, il confronto deve avere dei limiti e non sfociare in relazioni esagerate. Non si cresce se in uno scontro ci si ferisce, ci si offende e non ci si rispetta. Se è vero che litigare è del tutto normale, è anche vero che bisogna saper gestire bene  lo scontro, per far si che non diventi motivo di divisione, ma solo un modo per conoscersi meglio e avere un’occasione in più, per fare la pace.

Regole per un litigio costruttivo:

1.  determinare l’oggetto della controversia, cioè definire esattamente l’argomento;                                                                                                 8333

2.  limitare l’oggetto della controversia, cioè non proporre più di un’ acquasantiera alla volta;

3.  concordare il luogo e il tempo, non iniziare a parlare mentre l’altro è occupato o sta per uscire;

4.  tenere le distanze, quando siamo arrabbiati non vogliamo l’altro vicino;

5.  tenere presente la propria responsabilità nel conflitto;

6.  evitare di far ricorso al “museo coniugale”; anche per questo è importante dire subito le cose che non ci vanno bene;

7.  non superare la soglia di vulnerabilità dell’altro (il suo punto debole);

8.  ascoltare fino in fondo senza interrompere;

9.  non rispondere ad  un’accusa con un’accusa (es: perchè sei tornato così tardi? e tu perchè spendi tanti soldi nei vestiti?);

10.parlare delle nostre emozioni e dei nostri bisogni insoddisfatti piuttosto che accusare.

 

“Chiunque può arrabbiarsi, questo è facile.

Ma arrabbiarsi con la persona giusta, e nel grado giusto, e al momento giusto,

e per lo scopo giusto: questo non è nelle possibilità di chiunque e non è facile.”

Aristotele

Eccoci di nuovo! 

Vi ricordate quando abbiamo parlato dell’ Amore e del suo significato?

A volte si pensa  quale parola scegliere per esprimere in modo più adeguato quello che si prova dentro.

La lingua italiana offre, infatti,un lessico emotivo particolarmente ricco e suggestivo.  In particolare,  per quanto concerne l’Amore,  esistono  termini che ne sottolineano,di volta in volta, la tipicità e l’intensità come: adorazione, affetto, attrazione, desiderio, eccitazione, infatuazione,  passione,  simpatia e tenerezza.

 Quindi…come scegliere leparole dell’Amore”?  Avere la consapevolezza di ciò che si prova aiuta a  individuare le parole che meglio  possano esprimere ciò che si ha dentro.

Volete esprimere i vostri sentimenti al vostro Lui o Lei? L’appartenere  culturalmente e linguisticamente  ad un ambiente peculiare vi permetterà   di scegliere le parole più adatte, in modo molto semplice e intuitivo. Vi potranno comunque essere d’aiuto anche espressioni  appartenenti ad altri contesti linguistici,  se lo ritenete opportuno.

Qualunque parola abbiate scelto trovate un momento di intimità per esprime quello che provate.

E spesso, senza  ricorrere ad esagerate ricercatezze, un semplice “TI VOGLIO BENE”  è la modalità comunicativa ancora più  efficace.

Cerca
Ultimi aggiornamenti
Contatti

Consultorio Giovani Feltre

Orari:
Accesso libero il giovedì dalle 14.00 alle 16.00

Indirizzo:
Viale G. Marconi, 7 Feltre - tel. 0439 883170

Per informazioni
nuvoleinviaggio@consultoriogiovanifeltre.net

Visite
Visite odierne: 82
Visitie totali: 30822
Blogroll